Avvisi ai naviganti


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/boffardi.net/public_html/wp-content/plugins/q-and-a/inc/functions.php on line 252

Intanto che riordino le foto pubblico questo video. Era da ANNI che volevo farlo:

La spiegazione qui: http://www.youtube.com/watch?v=9Lx0OkfTvhQ

Il Datacenter di Google

Vi siete mai chiesti quale computer risponda alle vostre ricerche su Google, o vi mostri la vostra posta su GMail?

Oggi Google ha rilasciato un video di uno dei suoi datacenter, partendo dall’impianto di alimentazione, passando per il condizionamento, e infine mostrando uno dei container che contengono i server veri e propri. Buona visione!

Medeltidstockholm

2009-03-22-medeltidstockholm1Colto dalla classica noia della domenica pomeriggio ho deciso di vedere cosa poteva offrirmi Stoccolma, e come al solito non sono rimasto deluso: in centro, in Kungsträdgården, si teneva “Medeltidstockholm“, ovvero “Stoccolma Medievale”. Oltre a un mercatino, erano in programma concerti di musica medievale, così mi sono armato di macchina fotografica e sono partito, incurante del fatto che la BBC desse per oggi leggere nevicate.

Il mercatino era piccolo, ma nella sua modestia completo: una bancarella con korv e tunnbröd, una ragazza che espone i suoi boccali in ceramica, uno stand di formaggio olandese (?), un’esposizione del ristorante Sjätte Tunnan che oltre a biscotti e caffé proponeva anche uno kycklinggryta (stufato di pollo) con fette di pane nero, una tenda reale dove si poteva essere incoronati cavalieri (a patto di avere massimo 12 anni), una tenda dove poter studiare le rune, una fucina, qualche venditore di tessuti e lavoratori del cuoio, uno stand per il tiro con l’arco.

Per un visitatore occasionale non avrebbe meritato più di 15 minuti, ma per me si è rivelata una divertente “riserva di caccia” fotografica. E non solo per me, visto che ho incontrato più persone che si divertivano con il teleobiettivo e con cui incrociavo sguardi complici 🙂

Su un piccolo palco si sono alternati due cori, i Pisces Dei ed i “A Capella Holmiensis“, con un repertorio di madrigali e canoni di diverse nazioni. Ha fatto un po effetto sentirli cantare “Ecco la primavera” e “La gagliarda” in italiano, ma non è mancato lo spagnolo ed il tedesco, oltre ovviamente allo svedese.

Ho proseguito il mio giretto attraversando Gamla Stan ed esplorando un lato di Södermalm che ancora mi mancava: da Slussen ho seguito la costa verso Est, attraverso un quartiere che Giusi chiama “Gotham City”, poi lungo un sentiero panoramico fino alla Högalidskyrkan, la chiesa che con i suoi due campanili si staglia su Södermalm.

Lì, per mia fortuna, si stava tenendo un concerto di Mendelsshon, tenuto da un’orchestra di archi e da un coro, con una soprano solista.

Una volta uscito ho dovuto arrendermi alla previsione della BBC, una cortina di fiocchi ghiacciati scendeva imponente e silenziosa. Ma quale modo migliore di concludere una domenica pomeriggio in pigiama, sotto una coperta, con una tazza di te e un pepparkaka 🙂 ?

Segue classica documentazione: un album di fotografie su Flickr (“Medeltid Stockholm, 22 Mar 2009″) e una serie di video su Youtube.

2009-03-22-medeltidstockholm

Freeze!

No, non per il freddo (almeno questa volta).

Il 31 gennaio scorso, in due punti della città (Kungsträdgården e la Stazione Centrale), centinaia di persone si sono “congelate” e sono rimaste nella stessa posizione per 5 minuti esatti, per poi continuare quello che stavano facendo come se non fosse successo niente. Queste iniziative “sociali” si chiamano “Freeze”, e sono state promosse per la prima volta da un gruppo che si chiama Improv Everywhere, che congelò la stazione centrale di New York. Lo scopo? Riflettere sui ritmi frenetici della propria vita quotidiana, e vedere quanto fermarsi per soli 5 minuti possa rendere una giornata così diversa. Quanto adoro queste cose! Peccato non averlo saputo in tempo. Sarà per il prossimo freeze (il primo di aprile, forse?) o di sicuro alla prossima giornata internazionale delle cuscinate.

[Via Krallo’s]

Into the wild


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/boffardi.net/public_html/wp-content/plugins/q-and-a/inc/functions.php on line 252

Con più calma racconterò del viaggio in Lapponia Meridionale, ma visto che un’immagine vale più di mille parole,  intanto ho caricato le foto su Flick, e ho montato due filmatini per dare un’idea delle emozioni che abbiamo vissuto…..


Borgafjäll

Non mi chiedermi

Ma vedi un po come si fanno a trovare delle cose per caso. Oggi in un’email per mia sorella mi sono soffermato un 30 secondi a guardare come avevo scritto “Shakespeare”, per timore di avere fatto errori.
Poi leggendo “Rectoverso” ho visto che prendeva in giro una blogger (“Ninna“) per lo stesso motivo, ed ho fatto la conoscenza dei suoi post.
Uno stile interessante e piacevole, un’altro feed da aggiungere alle letture quotidiane, quando mi casca l’occhio su un piccolissimo video di Youtube in un angolino del blog… e mi sono reso conto di aver incontrato un genio (ungran bel genio, fra l’altro):

“Adoro Internet” (cit.)

Video Chat su GMail

Google sta lanciando una nuova funzionalità di GMail! Se il PC ha una webcam ed un microfono, sarà possibile “videochattare” o “videochiamare”, esattamente come con Skype e MSN.

Maggiori informazioni sull’apposito sito di Google, un breve video esplicativo qui sotto. Pare che questa funzionalità sia stata scritta da un programmatore Google in Svezia 🙂

Marketta

Questa segnalazione é stata per lungo tempo nell’elenco delle “cose da fare”, e finalmente oggi mi sono ricordato E ho trovato il tempo per questo post. Voglio segnalare il sito di una persona che ho conosciuto in Italia durante il mio precedente lavoro: si chiama Marco Botti, é un grafico freelance che sposa alla creatività e all’ironia (dovreste vedere il formato del suo curriculum) un’ottima competenza tecnica.
Il suo sito é www.marcobotti.net , ed é possibile avere un assaggio delle sue realizzazioni.

In particolare, vi consiglio di guardare una delle ultime creazioni (nella sezione “concept”), un video avente come colonna sonora “mad world” nell’interpretazione di Gary Jules:

“This short movie is a little story about Friendship, Solitude and
the desperate need of
Love in this time of non umanity…”

 

 

Oltre ad opere web Marco ha una linea di magliette “di design”, comperatene una sul negozio online!