Seconda parte del giro nello Svealand

Ho sistemato anche le foto dell’ultimo giorno di viaggio:

Hotel Room in SilvergruvaA Sala si trova un’altra miniera, d’argento, di nome Silvergruva. La visita guidata è più carina di quella di Falun, ed in oltre per meno di 400€ a notte si può cenare, dormire e fare colazione in una stanza a 150 metri di profondità, fra pareti di roccia, mobili in legno e luce di decine di candele.

La città più grande a sud è Västeräs, con il suo centro moderno e dinamico ed i suoi viottoli pacifici alle spalle della Domkyrka.

.

Proseguendo più o meno a casaccio verso la città di Eskilstuna, attorno al lago Malaren che si trova praticamente ovunque, ho scattato qualche foto ad un incisione rupestre, che racconta una leggenda che avrebbe ispirato nientemeno che il ciclo de “L’anello del Nibelungo”, e addirittura “Il Signore degli Anelli”.

Gironzolando per dare un’occhiata al lago sono arrivato ad una specie di spiaggia, con un molo pieno di imbarcazioni, e Svedesi che facevano il bagno, o si godevano allegramente una cena su uno dei barbecues messi a disposizione, con tanto di legna già tagliata! A capo del promontorio altri turisti si godevano la vista dai tavoli del ristorante aperto all’interno dello “Slottet”, il castello.

Ho inaugurato anche due “collezioni” di foto: una è dedicata ai cittadini svedesi (le cittadine in effetti sono molto…. caratteristiche), e un’altra alle loro finestre, vera “presentazione” di una casa. In futuro credo che queste due raccolte si allargheranno parecchio 🙂