Aussiefloyd: The Wall

The Wall (abies) Come avevo anticipato,ierisera sono andato a vedere lo spettacolo “The Wall” nel teatro “Circus”, un bell’edificio in legno in Djursgarden, vicino all’entrata di Skansen.

Lo spettacolo é stato grandioso! Sin dall’inizio, con l’esplosiva “In the flesh?”, proseguendo poi per tutta la storia di “The Wall”. Gli Aussiefloyd hanno ripercorso la storia di Pink nota per nota, ed era davvero difficile distinguere la loro performance da quella originale, ben impressa nella mia memoria 🙂

Un buon contributo allo spettacolo é stato dato dai video che scorrevano sullo sfondo del palco: non si trattava di spezzoni del film o dei video originali, ma di ricostruzioni tridimensionali in computer grafica, che sostituivano abbastanza degnamente i cartoni animati disegnati a mano dell’originale. Sparsi qua e là con molta ironia, c’erano canguri ovunque, i più spettacolari erano quelli sulla cemia dei famosissimi “martelli marcianti” (date un’occhiata alle foto). Il pubblico era commosso, esaltato e coinvolto, nonché vario per composizione: alla mia destra avevo una ragazza della mia età circa, alla mia sinistra un signore del tutto simile a Leo di “That’s 70s Show” che a un certo punto si é toglto gli occhiali e si é asciugato una lacrima 🙂

Alla fine del concerto, dopo “Outside The Wall”, gli AussieFloyds sono tornati sul palco per suonare alcuni bis memorabili, come Shine On You Crazy Diamond, The Great Gig In The Sky, On The Run (compreso il maialone gonfiabile che é apparso da uno degli spalti!), Wish You Here e un grandioso finale con “Eclipse”, accompagnati da video bellissimi. Una meraviglia.

Qui sotto trovate il link a un album fotografico, più tre filmati che ho girato con il cellulare, scusatemi per la loro scarsa qualità! Se a qualcuno interessano, sul mio PC ne ho una versone più dignitosa.

aussiefloyd

Is There Anybody Out There?

Waiting for the worms

Comfortably Numb (intera!)

L’emozione é stata tantissima, perché come sa chi mi conosce bene, The Wall ha un significato grandissimo per me, che in passato mi sono identificato in tutte le fasi della vita di Pink. Pensavo che rivivere tutta la storia in modo così intenso mi avrebbe riportato indietro nel tempo, invece ho notato con piacere che l’unica canzone in cui mi sia sentito nel presente é stata “Outside the wall”…