Giochi di luce fredda

Come scrivevo stamattina, é decisamente un buon inizio! Non mi ricordavo un freddo cosí pungente, evidentemente al caldo ci si abitua in fretta!

Con il gelo e il cielo limpido stanno cominciando i “fuochi d’artificio” che rendono speciale il cielo quassú. Stamattina sopra Solna é apparso un bellissimo “alone”, simile a quello di cui scrissi due anni fa:

Alone, o "halo"

Alone, o “halo”. (C) Dagens Nyheter, Clas Svahn

Mentre ieri notte si é verificato un fenomeno che non avevo mai visto: i “pilastri di luce“. Quando l’aria é particolarmente ferma e vi fluttuano piccoli cristalli di ghiaccio a forma di prisma esagonale, la luce si riflette in questi “specchietti” e crea una colonna in corrispondenza di una sorgente di luce, che puó essere il sole, oppure la luna, o Venere o persino luci a terra (spiegazioni migliori in questa pagina oppure questa). Io mi sono perso lo spettacolo, ma anche in questo caso ha provveduto il Dagens Nyheter a pubblicare alcune foto, fra cui questa:

Pilastri di luce

Pilastri di luce sopra Stoccolma, (C) Dagens Nyheter

Questa sera, dando un’occhiata per caso fuori dalla finestra, ho visto lo spettacolo in diretta! Era meno sontuoso di quello di ieri, ma mi ha dato il tempo di recuperare la macchina e di scattare alcune foto. La colonna di luce principale era cangiante e mutava continuamente di intensitá, a seconda probabilmente della danza del ghiaccio nell’aria. Ecco i miei scatti:

Si vede il pilastro della luna, uno piú luminoso douto probabilmente a qualche luce stradale piú vicina, e altri piú piccolini. Una piccola meraviglia.

Sempre a proposito di “giochi di luce”, in alcuni quartieri meridionali di Stoccolma ce n’è stato uno non proprio meraviglioso: la luce elettrica é mancata per ore in più di 80.000 abitazioni, a causa di un guasto a un trasformatore. Fortunatamente pare che tutto sia in via di risoluzione…