Quando il sistema si inceppa

Uscita della metropolitana di Medborgarplatsen, sabato pomeriggio. Un capannello di persone è fermo perplesso davanti alla porta scorrevole, chiusa. Due ragazze fanno timide incursioni sotto la fotocellula, e si ritirano senza sortire effetto. Gli altri osservano, fino a quando faccio un passo avanti, e apro le porte con le mani. Il flusso riprende verso l’esterno, e mille altre destinazioni ignote.