The Day The Earth Stood Still

Il giorno in cui la Terra si fermò
Una locandina del FilmIerisera mi sono addormentato sul divano, risvegliandomi a notte fonda; facendo zapping ho intravisto su ManToVa TV (!!) un film, e sono stato subito catturato: dalla rampa di un disco volante, circondato come da prassi da frotte di carriarmati, nel bel mezzo di un parco pubblico di Washington degli anni 50, scende un alieno in elegante tuta grigia.
Estrae qualcosa dalla tuta, e, ovviamente, gli viene subito sparato.
In realtà l’alieno è un messaggero (uguale agli umani) che deve dare a tutti i popoli della Terra una notizia vitale per la sopravvivenza del pianeta, e ovviamente non viene ascoltato.
Si aggira così per Washington, cercando una soluzione, lasciando a guardia dell’UFO il suo indistruttibile e potentissimo robot distruttore…

Vi risparmio il resto della storia, nel caso vi capitasse di guardarlo (?). La cosa che veramente mi ha vatto rendere conto che la veglia era ben spesa è uno dei punti clou:
Il robot distruttore (Gort) è programmato per annientare il pianeta nel caso succeda qualcosa al suo padrone.
A un certo punto l’alieno si rivolge alla protagonista (ovviamente bionda e bella) :


“Se mi dovesse capitare qualcosa, corri subito a disattivare Gort con queste parole:



Klaatu barada nikto!


” Non immaginate quanto ho riso sentendo queste parole, o perlomeno lo immaginate se avete visto “L’Armata delle Tenebre


Ho fatto qualche ricerca su IMDB (International Movie Database): questo buffo e gradevole film del 1951 in realtà è considerato un autentico capolavoro della fantascienza e del cinema, ed è al  175esimo posto della classifica dei 250 film più belli (secondo IMDB).
Viene citato in più di 30 altri film, e compare in decine di altri.


Clicca per ingrandireA questo punto la cosa più curiosa: ho provato a fare una ricerca con “klatu barada nikto”, e fra i film trovati, nientepopodimeno che, ed inspiegabilmente…
Guardate l’immagine!!!


Una nota: Klaatu (che poi è il nome dell’alieno) ha detto che con il suo meraviglioso UFO che funziona con uno strano principio di energia atomica ha percorso 400 milioni di chilometri in 5 mesi e mezzo; praticamente poco di meno di quanto abbia fatto Mars Express con una semplice spinta…