Novità bestiali

Il VeriChipMentre giaccio nuovamente qui nella terra di Mordor, e mentre aspetto che il computerone qui a fianco faccia il suo dovere, mi tengo informato sulle novità .
Una società , la Applied Digital Solutions, ha affermato di essere già pronta a mettere sul mercato dei chip che sostituiranno la carta di credito e la carta d’identità . In pratica ci si impianta una specie di “tic-tac” sottopelle, e questo sarà letto da appositi scanner che identificheranno il proprietario.
Immaginatevi con le borse della spesa, passare difianco alla cassa e ricevere il conto direttamente sul conto corrente!
Ci sono serie e gravi preoccupazioni, però:
Molti americani sono preoccupati che questo possa essere in realtà il segno della fine del mondo: nella bibbia, infatti, si dice che il segno della bestia (citato nell’apocalisse) sarà impresso nel braccio di ciascuno, e non sarà possibile comperare o vendere senza.
Un serio studioso, interpellato in merito, ha risposto che, visto che nella Bibbia si afferma espressamente che tutti sarano obbligati a portare il segno della Bestia, mentre invece il chip per ora è facoltativo, per cui non c’è problema. Meno male!

Passiamo ad un’altra notizia: la Phoenix, sta per rilasciare le nuove generazioni dei BIOS, che si chiameranno inquietantemente DNA.
Il BIOS è quella parte di software che ha il compito di avviare il PC, dandogli le prime informazioni di base perchè possa riconoscere i dischi e caricare il sistema operativo.
I nuovi BIOS sarano molto ma molto più avanzati, consentendo di accedere alla rete, sincronizzare vi BlueTooth i dati di Outlook con telefoni e palmari, gestire il Trustworth Computing, e un sacco di altre cose, si stanno stringendo forti accordi con la Microsoft…
 ? Aspettate un attimo. Cos’è il  Trustworth Computing ? In realtà si tratta del progetto Palladium, ossia una specie di inquisizione che la Microsoft sta cercando di impiantare in tutti i PC del globo, insieme alla sua amica Intel.
E’ un simpatico sistema software/hardware, impossibile da aggirare(almeno nelle intenzioni ), che permette di eseguire solo programmi riconosciuti ed autorizzati, non dall’utente, però, ma dal costruttore del PC. Chiunque voglia scrivere un programma da distibuire dovrà “farselo riconoscere” da Microsoft o soci.
Inoltre, le stesse restrizioni varranno anche sui files, per cui un  filmato o un MP3 potranno essere riprodotti solo dietro “licenza”.
Simpatici, vero?
Quel BIOS nuovo potrebbe tranquillamente, anche mentre il computer è spento (ma collegato alla corrente, ovviamente), collegarsi con i siti dei suoi “boss”, verificare il software installato, e ricevere istruzioni su come comportarsi.
Sembra paranoia, ma se leggete qui e là troverete conferme…

Non si prospetta un gran futuro, se daranno retta a questi signori…
Pensate a un PC che ti identifica dal tu PC sottopelle ed esegue solo quello che qualcuno ha deciso di farti eseguire… brr….