Soppkonsert

Una delle cose che mi manca della mia routine italiana é l’abbonamento al teatro di prosa, cosa a cui non posso sopperire quassù, dato il mio livello di svedese.

Per fortuna esiste la musica che é un linguaggio universale, così ho accolto l’invito di una mia amica e ho fatto l’abbonamento ai Soppkonsert. Si tratta di una serie di eventi organizzati dalla Konserthuset, la sala da concerti in centro a Stoccolma e sede della cerimonia dell’assegnazione dei premi Nobel, che ha luogo grossomodo un venerdì di ogni mese, fino all’estate.

Si tratta di un’evento particolare per forma e tempi, dato che ha luogo a mezzogiorno di un giorno feriale. Gli ospiti sono accolti nella hall, e poi fatti accomodare al piano di sopra nella “sala piccola”, attrezzata con lunghi tavoloni apparecchiati. Prima di entrare ciascuno si può servire  di una ciotola di zuppa, inclusa nel prezzo del biglietto, che può consumare in sala insieme ai complementari panini con burro, acqua, lättöl (birra da 2%) e caffé. Dopo una mezz’oretta passata a consumare il pasto e a chiacchierare con i vicini, le luci si abbassano ed inizia il concerto vero e proprio.

Nei primi due spettacoli il repertorio ha affiancato compositori classici europei con compositori svedesi di diversi periodi, anche contemporanei. Gli strumenti sono quelli della musica da camera, nel primo spettacolo si sono esibiti un’arpa e nove violoncellisti, nel secondo una coppia viola-pianoforte. Nell’intenzione, il tipo di zuppa del giorno si accompagna al repertorio scelto, sebbene gli accostamenti siano innegabilmente fantasiosi 🙂

Si tratta di un’ottimo modo di passare una pausa pranzo diversa dal solito, ed é fonte di interessanti spunti e confronti fra la musica svedese e quella europea. Ma oltre a questo, é anche una curiosità dal punto di vista antropologico e culturale!

Come in altri ambiti qui in Svezia, si associa una specie di “sacralità” dell’evento con un pragmatismo democratico e quasi naïve: gli spettatori sono per lo più persone di una certa età, e si presentano vestiti in modo adeguato a questo tipo di evento mondano. L’ambiente è solenne, e così l’atmosfera nella sala, e la performance dei musicisti, il tono delle presentazioni, e il disciplinato silenzio durante il concerto, con una sorprendente assenza di rumori di stoviglie.

Allo stesso tempo, però, ognuno si porta la propria ciotola al tavolo senza vassoi, e i lunghi tavoli con i posti prenotati sono rivestiti da tovaglie di carta! Viene difficile immaginare un’evento simile alla Scala di Milano, nel bene o nel male, ovviamente. É una cosa proprio decisamente Svedese 🙂

Aussiefloyd: The Wall

The Wall (abies) Come avevo anticipato,ierisera sono andato a vedere lo spettacolo “The Wall” nel teatro “Circus”, un bell’edificio in legno in Djursgarden, vicino all’entrata di Skansen.

Lo spettacolo é stato grandioso! Sin dall’inizio, con l’esplosiva “In the flesh?”, proseguendo poi per tutta la storia di “The Wall”. Gli Aussiefloyd hanno ripercorso la storia di Pink nota per nota, ed era davvero difficile distinguere la loro performance da quella originale, ben impressa nella mia memoria 🙂

Un buon contributo allo spettacolo é stato dato dai video che scorrevano sullo sfondo del palco: non si trattava di spezzoni del film o dei video originali, ma di ricostruzioni tridimensionali in computer grafica, che sostituivano abbastanza degnamente i cartoni animati disegnati a mano dell’originale. Sparsi qua e là con molta ironia, c’erano canguri ovunque, i più spettacolari erano quelli sulla cemia dei famosissimi “martelli marcianti” (date un’occhiata alle foto). Il pubblico era commosso, esaltato e coinvolto, nonché vario per composizione: alla mia destra avevo una ragazza della mia età circa, alla mia sinistra un signore del tutto simile a Leo di “That’s 70s Show” che a un certo punto si é toglto gli occhiali e si é asciugato una lacrima 🙂

Alla fine del concerto, dopo “Outside The Wall”, gli AussieFloyds sono tornati sul palco per suonare alcuni bis memorabili, come Shine On You Crazy Diamond, The Great Gig In The Sky, On The Run (compreso il maialone gonfiabile che é apparso da uno degli spalti!), Wish You Here e un grandioso finale con “Eclipse”, accompagnati da video bellissimi. Una meraviglia.

Qui sotto trovate il link a un album fotografico, più tre filmati che ho girato con il cellulare, scusatemi per la loro scarsa qualità! Se a qualcuno interessano, sul mio PC ne ho una versone più dignitosa.

aussiefloyd

Is There Anybody Out There?

Waiting for the worms

Comfortably Numb (intera!)

L’emozione é stata tantissima, perché come sa chi mi conosce bene, The Wall ha un significato grandissimo per me, che in passato mi sono identificato in tutte le fasi della vita di Pink. Pensavo che rivivere tutta la storia in modo così intenso mi avrebbe riportato indietro nel tempo, invece ho notato con piacere che l’unica canzone in cui mi sia sentito nel presente é stata “Outside the wall”…

The Wall LIVE at Stockholm Circus Arena

Aussiefloyd - locandinaE’ stato un vero e proprio colpo di fulmine: mentre passeggiavo per il centro città con una mia amica, ho visto con la coda dell’occhio una locandina affissa in mezzo a molte altre, e mi sono zittito improvvisamente, andando a vedere da vicino se si trattasse di uno scherzo o meno.
La grafica era inconfondibile, il testo non dava adito a fraintendimenti: il 26 Febbraio, “Per la prima volta in più di 25 anni la leggendaria opera rock dei Pink Floyd THE WALL in concerto dal vivo nella sua interezza”!
Fin da quando, quasi un anno prima del concerto di Modena del ’97 i miei amici musicofili Roberto e Andrea mi prestarono una audiocassetta di “The Wall” copiata dal vinile per potermi preparare (sapevo a malapena che fosse un gruppo rock inglese), ho avuto il profondo desiderio di poter vedere questo concerto dal vivo, un giorno o l’altro, ovunque si tenesse in Europa. Il mio desiderio è purtroppo destinato ad essere inesaudito, vista la scissione di Roger Waters, la questione dei diritti del concept album e l’ormai venerabile età dei Pink Floyd superstiti.

Quindi, l’opportunità era troppo ghiotta per lasciarmela sfuggire: ho comperato un biglietto. Sebbene si tratti di una cover band, mi dicono che sia una delle migliori in assoluto, specializzata sui Pink Floyd: il loro nome è “Aussiefloyd“, sono australiani, ed hanno messo in scena vari spettacoli negli anni scorsi, in giro per il mondo. Quest’anno si produrranno nella riedizione integrale di “The Wall”, “un meraviglioso spettacolo che abbraccia la vera eredità dei Pink Floyd”, a detta di Roger Waters stesso (o perlomeno, a quanto riporta la locandina).

La simpatia degli australiani è piuttosto evidente anche solo giudicando un estratto delle locandine dei loro concerti precedenti:

Aussiefloyd: copertine

Ho recuperato un video dell’inizio del concerto, eccolo qui (pelle d’oca!):

“So ya
Thought ya
Might like to go to the show.
To feel the warm thrill of confusion
That space cadet glow.
Tell me is something eluding you, sunshine?
Is this not what you expected to see?
If you wanna find out what’s behind these cold eyes
You’ll just have to claw your way through this disguise.

“Lights! Turn on the sound effects! Action!”
“Drop it, drop it on ‘em! Drop it on them!!!!!”

Concerto di Katie Melua, 7 ottobre 2008

Come saprà chi legge queste pagine da un po di tempo, sono un discreto appassionato della musica di Katie Melua. Ierisera dopo il lavoro sono finalmente andato a godermi il suo concerto al Globen di Stoccolma, o meglio all’Annex, che é una delle varie arene disponibili.

Il Globen visto da vicino é piuttosto imponente, e continua a ricordarmi la “Morte Nera” di Guerre Stellari :). Con mio stupore dalla fermata della metropolitana é usicta una “fiumana” di gente piuttosto eterogenea, che non sembrava del tutto parte del target di Katie Melua. In effetti entrati nell’area del Globen  la gente si é ripartita fra vari eventi,  tutti nella stessa serata. Dall’uscita all’ingresso, comunque non ho fatto neanche 30 secondi di fila.

.

.

Dopo l’ingresso e il controllo biglietti  ho aspettato (e cenato) tranquillamente al bar, dato che i posti erano numerati e non ci sarebbe stato bisogno di accalcarsi per avere una buona posizione! Anche al bar, nessuna fila dopo aver effettuato l’ordinazione e pagato alla cassa, mi é stato dato uno strano aggeggino simile a un disco da hockey: dato che per preparare le ordinazioni ci vuole un po di tempo, i clienti possono spostarsi in giro per l’arena senza aspettare in coda al bancone del bar. Quando l’ordinazione é pronta il “coso” suona e lampeggia, e così si può tornare al bar solo al momento giusto. Nella sala del bar, a disposizione di chiunque, caraffe d’acqua e boiler di caffé.

Prima del concerto l’ospite della serata, Andrea McEwan: un’artista australiana, cantante solista, con dolcezza e grinta da vendere. Decisamente una spalla adatta per un concerto di Katie Melua, fra poco uscirà il suo primo album, sono proprio curioso. Dal palco ha inviato chi avesse voluto a raggiungerla al “gift shop” per fare due chiacchiere e, incuriosito, mi sono accodato a un’ordinata e spontenea fila di una quindicina di persona. Essendo l’ultimo mi sono attardato a scambiare due chiacchiere, é una persona simpaticissima, credo che la seguirò con attenzione. Il suo sito é http://www.andreamcewan.com , ci sono fotografie, si possono ascoltare demo, e c’é un video blog abbastanza interessante, fra cui un piccolissimo backstage del concerto di ieri! 🙂

In perfetto orario, ecco salire sul palco Katie, che senza dire una parola attacca un blues, mentre nell’arena non si senta volare una mosca.  Il concerto prosegue, ed é divertente: fra una canzone e l’altra Katie racconta l’origine dei testi. Per alcune canzoni più “animate” lo schermo sullo sfondo e le luci fanno da cornice, e in un paio di canzoni vecchi spezzoni di film degli anni 30/40 in bianco e nero (ospite anche Charlie Chaplin, per “Mary Pickford”) creano un clima dolce e surreale. Per le canzoni acustiche, accompagnate di volta in volta da un piano, una viola o un flauto, le luci si spengono e un occhio di bue illumina K.M. su uno sgabello, intenta a suonare la sua chitarra.

Dedica “Thank You Stars” alla Svezia, e dice che tornerà spesso visto che un suo caro amico si sta strasferendo a Stoccolma (va di moda, a quanto pare 🙂 ). Alla fine il pubblico si alza in piedi ad applaudire, e dopo svariati minuti di applausi la band torna sul palco per tre bis, fra i quali una scatenata “On The Road Again” e la chiusura con “I Cried For You”, canzone che “ci ho messo un sacco di tempo a scrivere, più che altro per capire di che cosa stessi cercando di suonare” 🙂

Bella serata, avrei voluto portare a casa una maglia a maniche lunghe bianca e nera con scritto “It’s all in my head”, ma era solo in taglie da donna 🙂

Ho anche alcuni video, ma non so se su Youtube mi facciano storie. Vedrò se riesco a postarli in altro modo. Intanto, ecco l’album su Flickr:

The Aristocrats

Prosegue un’intensa attività sociale in quel di Stoccolma. La mia “compagna di banco” al corso di Svedese mi ha invitato ad un concerto di suoi amici, dove ho fatto la conoscenza di vari italiani ed “indigeni”.

Il gruppo si chiama The Aristocrats e suona “American folk, country, hokum, ragtime blues och Hawaiian music“, e capirete come parlare in italiano di hockey lappone in un Irish Pub di Stoccolma di un gruppo American Folk hawaiano possa essere un’esperienza un po straniante.

Bella serata, anyway. 🙂 Se volete farvi un’idea del momento, ho postato due video (qui e qui) di pessima qualità, se volete farvi un’idea del gruppo e della loro musica è meglio che guardiate qui, quo, e qua.

Miracle do occours

Album delle (pessime) fotoAvrei un sacco di cose da scrivere, link, segnalazioni, arretrati, e qualche articolo di kaiman in attesa di pubblicazione… ma questa la devo proprio dire: ieri alle sei e mezza, mentre stavo facendo su le mie cose in ufficio, mi telefona un amico da San Siro, dove stava facendo servizio di sicurezza al concerto degli U2, e mi ha detto che qualcuno gli aveva regalato dei biglietti che sarebbero rimasti inutilizzati. “Inforcata” al volo la Skoda, mi sono fatto la A1, mi sono guardato il concerto, e sono tornato a casa. Gratis. Son soddisfazioni!