Caterina

E la vita Caterina, lo sai, non è comoda per nessuno,
quando vuoi gustare fino in fondo tutto il suo profumo.
Devi rischiare la notte, il vino e la malinconia,
la solitudine e le valigie di un amore che vola via.
E cinquecento catenelle che si spezzano in un secondo
e non ti bastano per piangere le lacrime di tutto il mondo.
Chissà se in quei momenti ti ricordi della mia faccia,
quando la notte scende e ti si gelano le braccia.
Ma se soltanto per un attimo potessi averti accanto
forse non ti direi niente ma ti guarderei soltanto.
Chissà se giochi ancora con i riccioli sull’orecchio
o se guardandomi negli occhi mi troveresti un pò più vecchio.
E quanti mascalzoni hai conosciuto e quante volte hai chiesto aiuto,
ma non ti è servito a niente.

Karaoke esistenziale: Shape of my heart

Avevo già pubblicato una traduzione di questa canzone, ormai quasi cinque anni fa.
Nel frattempo sono passati cinque anni, ma alcune canzoni evidentemente si ripropongono, anche se in chiavi di lettura diverse. E mi sono anche accorto di aver lasciato dei puntini di sospensione alla fine, probabilmente perchè manca la seconda strofa. Oggi è tempo di rimediare:

free music
He deals the cards as a meditation
And those he plays never suspect
He doesn't play for the money he wins
He doesn't play for the respect
He deals the cards to find the answer
The sacred geometry of chance
The hidden law of probable outcome
The numbers lead a dance

I know that the spades are the swords of a soldier
I know that the clubs are weapons of war
I know that diamonds mean money for this art
But that's not the shape of my heart

He may play the jack of diamonds
He may lay the queen of spades
He may conceal a king in his hand
While the memory of it fades

I know that the spades are the swords of a soldier
I know that the clubs are weapons of war
I know that diamonds mean money for this art
But that's not the shape of my heart
That's not the shape, the shape of my heart

And if I told you that I loved you
You'd maybe think there's something wrong
I'm not a man of too many faces
The mask I wear is one
Those who speak know nothing
And find out to their cost
Like those who curse their luck in too many places
And those who fear are lost

I know that the spades are the swords of a soldier
I know that the clubs are weapons of war
I know that diamonds mean money for this art
But that's not the shape of my heart
That's not the shape of my heart
Lui gioca a carte come meditazione
e quelli con cui gioca mai sospetterebbero che
non gioca per il denaro che vince
non gioca per rispetto
Lui da le carte per trovare la risposta
la sacra geometria delle opportunità
Le leggi nascoste di un probabile risultato
I numeri conducono le danze

So che i Picche sono le spade di un soldato
So che i Fiori sono armi di guerra *
So che i Quadri significano denaro per quest’arte **
Ma quella non è la forma del mio cuore

Potrebbe giocare il fante di Quadri
Potrebbe buttare la regina di Picche
Potrebbe nascondere il Re che ha in mano
mentre la sua memoria svanisce

So che i Picche sono le spade di un soldato
So che i Fiori sono armi di guerra
So che i Quadri significano denaro per quest’arte
Ma quella non è la forma del mio cuore
quella non è la forma, la forma del mio cuore

E se ti dicessi che ti amo
forse penseresti che c'è qualcosa di sbagliato
Non sono un uomo con troppe facce ***
La maschera che porto è una sola
Quelli che parlano non sanno nulla
ma scoprono le cose a loro spese
Come quelli che maledicono la loro fortuna in troppi posti
E quelli che hanno perso ogni paura

So che i Picche sono le spade di un soldato
So che i Fiori sono armi di guerra
So che i Quadri significano denaro per quest’arte
Ma quella non è la forma del mio cuore
quella non è la forma del mio cuore…

* clubs è il seme dei fiori nelle carte francesi. Club significa mazza, randello, tradotto nelle nostre carte da briscola nel seme dei bastoni

** diamonds significa diamanti, o rombi. Simboleggiano il denaro, come nelle nostre carte il seme dei denari. Curioso il riferimento all’arte, quando in italia il seme si chiama Quadri!

*** faces significa ovviamente “facce”, in questo contesto non sono uno con molti volti nascosti. Ma nel gioco delle carte le faces sono anche le carte con dei volti, quelle che in Italiano si direbbero figure. Non sono un uomo con troppe figure nella propria mano, quindi, allude anche al fatto di non avere delle buone carte.

Karaoke esistenziale: Walking in Space

Questa volta Karaoke esistenziale multimediale: ho pubblicato su YouTube la canzone “Walking in Space”, tratto dal musical Hair, nell’interpretazione della compagnia del Teatrino della Rocca. Il testo è già tradotto nei sottotitoli, seppur con qualche imprecisione. Nel seguito dell’articolo, dopo il “Continua”, il testo tradotto con un paio di note.
Se volete sorridere, immaginatemi nei panni di uno dei soldati 🙂


Continue reading

Karaoke esistenziale: Under my Skin

Esistono molte versioni leggermente diverse di questo testo, cantato da decine di artisti. La versione riportata qui dovrebbe -dovrebbe- essere quella del duetto Frank Sinatra – U2, ho aggiunto anche la possibilità di ascoltarla in streaming.
“I have got you under my skin” è uno dei miliardi di modi di usare il verso “to get”. In questo caso dovrebbe essere “ti ho sotto pelle”, “mi è successo che tu mi sia finita sotto la pelle, e sei ancora lì”. Non credo che il senso esatto sia traducibile, per cui semplifico con un “Sei sotto la mia pelle”, si accettano suggerimenti.
Continue reading

Karaoke esistenziale: Fade Together

Karaoke esistenziale specifico e ristretto a un particolare aspetto di un particolare momento di una particolare notte di primavera: “Fade Together”, di Franz Ferdinand. Cuore di tutto il significato del verbo “to fade”, che come di solito avviene per i verbi in Inglese, riassume in quattro letterine molti contesti, sfaccettature, significati. “To fade” significa “svanire”, sparire nel nulla. I ricordi “are fading”, o “are fading away”, sbiadiscono, perdono di consistenza e significato, la musica “fade out”, quando cala lentamente di volume fino al silenzio, la luce “fade to black”, si dissolve nel nero, l’illusionista “fade”, scompare.

Continue reading

Karaoke esistenziale: la linea d’ombra

mi offrono un incarico di responsabilità
domani andrò giù al porto e gli dirò che sono pronto a partire
getterò i bagagli in mare studierò le carte
e aspetterò di sapere per dove si parte quando si parte
e quando passerà il monsone dirò “levate l’ancora
diritta avanti tutta questa è la rotta questa è la direzione
questa è la decisione.

pianista1.pngpianista2.pngpianista3.png

Jovanotti – La linea d’ombra

La linea d’ombra
la nebbia che io vedo a me davanti
per la prima volta nella vita mia mi trovo
a saper quello che lascio e a non saper immaginar quello che trovo
mi offrono un incarico di responsabilità
portare questa nave verso una rotta che nessuno sa
è la mia età a mezz’aria
in questa condizione di stabilità precaria
ipnotizzato dalle pale di un ventilatore sul soffitto
mi giro e mi rigiro sul mio letto
mi muovo col passo pesante in questa stanza umida
di un porto che non ricordo il nome
il fondo del caffè confonde il dove e il come
e per la prima volta so cos’è la nostalgia la commozione
nel mio bagaglio panni sporchi di navigazione
per ogni strappo un porto per ogni porto in testa una canzone
è dolce stare in mare quando son gli altri a far la direzione
senza preoccupazione
soltanto fare ciò che c’è da fare
e cullati dall’onda notturna sognare la mamma… il mare.

Mi offrono un incarico di responsabilità
mi hanno detto che una nave c’ha bisogno di un comandante
mi hanno detto che la paga è interessante
e che il carico è segreto ed importante
il pensiero della responsabilità si è fatto grosso
è come dover saltare al di là di un fosso
che mi divide dai tempi spensierati di un passato che è passato
saltare verso il tempo indefinito dell’essere adulto
di fronte a me la nebbia mi nasconde la risposta alla mia paura
cosa sarò? dove mi condurrà la mia natura?
La faccia di mio padre prende forma sullo specchio
lui giovane io vecchio
le sue parole che rimbombano dentro al mio orecchio
“la vita non è facile ci vuole sacrificio
un giorno te ne accorgerai e mi dirai se ho ragione”
arriva il giorno in cui bisogna prendere una decisione
e adesso è questo giorno di monsone
col vento che non ha una direzione
guardando il cielo un senso di oppressione
ma è la mia età
dove si guarda come si era
e non si sa dove si va, cosa si sarà
che responsabilità si hanno nei confronti degli esseri umani che ti vivono accanto
e attraverso questo vetro vedo il mondo come una scacchiera
dove ogni mossa che io faccio può cambiare la partita intera
ed ho paura di essere mangiato ed ho paura pure di mangiare
mi perdo nelle letture, i libri dello zen ed il vangelo
l’astrologia che mi racconta il cielo
galleggio alla ricerca di un me stesso con il quale poter dialogare
ma questa linea d’ombra non me la fa incontrare.
Mi offrono un incarico di responsabilità
non so cos’è il coraggio se prendere e mollare tutto
se scegliere la fuga od affrontare questa realtà difficile da interpretare
ma bella da esplorare
provare a immaginare come sarò quando avrò attraversato il mare
portato questo carico importante a destinazione
dove sarò al riparo dal prossimo monsone
mi offrono un incarico di responsabilità
domani andrò giù al porto e gli dirò che sono pronto a partire
getterò i bagagli in mare studierò le carte
e aspetterò di sapere per dove si parte quando si parte
e quando passerà il monsone dirò “levate l’ancora
diritta avanti tutta questa è la rotta questa è la direzione
questa è la decisione.”

Queen: The Show must go On

Non credo se ne sentisse il bisogno, comunque ecco la mia traduzione della canzone “The Show Must Go On” dei Queen, dall’album Innuendo. La parola “Innuendo” significa “allusione”. Correva l’anno 1991!
Come sempre preferico fare, la traduzione non è strettamente letterale, ma mirata a rendere il meglio possibile gli stessi concetti in lingua italiana.

Continue reading