La rivolta di Husby

Fonte: The Local, http://www.thelocal.se/48078/20130523/

Fonte: The Local, http://www.thelocal.se/48078/20130523/

Articolo aggiornato il 24/5 alle 10:00

troubles in paradise“, dicono ironicamente gli inglesi.

Nella notte di sabato scorso sono scoppiati disordini nel quartiere di Husby, vicino a dove abito io, e nei giorni successivi si sono estesi ad altre aree della città.

Con il perdurare dei fatti, la notizia ha cominciato a diffondersi fino ad arrivare a giornali e telegiornali italiani, molte persone mi hanno chiesto se stessi bene, se fossi a rischio e che cosa stesse realmente succedendo in città. La cosa è molto più semplice di quanto sembri, ed allo stesso tempo molto più complicata. Ma forse è meglio cominciare dalla storia e dall’attuale stato delle cose.

La settimana scorsa la polizia è stata chiamata perchè un signore di 69 anni, di nazionalità ancora non dichiarata sui giornali, aveva cominciato a dare di matto in un’appartamento, brandendo un grosso coltello. I poliziotti giunti sul posto sono stati insultati e minacciati di morte dal tizio, dal balcone del suo appartamento, ma la situazione sembrava grossomodo sotto controllo, fino a che non si è saputo che in casa c’era anche una donna. Per recuperarla è stata fatta irruzione nella casa, è stata usata una granata flash-bang per stordire il tizio, ma non è bastato e pare che abbia attaccato i poliziotti, che gli hanno sparato ferendolo gravemente. La donna è stata portata in salvo, il tizio è morto poco dopo in ospedale.

Questa reazione è stata giudicata violenta, spiega un insolitamente ben equilibrato articolo di Repubblica, dagli abitanti del quartiere, che avrebbero iniziato a protestare e generato così una rivolta.

Aggiornamento 24/5: L’uomo era  di nazionalità Finlandese. Le reazioni all’operato della polizia pare siano scaurite dallo spiegamento di forze e dalla dichiarazione che l’uomo fosse morto in ospedale quando invece è stato portato via e fotografato già morto sul luogo dello scontro. Ora la mia opinione è che possa essere una questione di legittimi punti di vista: probabilmente l’uomo è stato dichiarato morto in ospedale. Ma una popolazione che vive sotto la pressione della Polizia può vedere tutto come un atto di forza e un tentativo di copertura. Molto interessante un’articolo postato da una mia amica, che merita una traduzione migliore di quanto possa fare Google Translate: http://www.aftonbladet.se/kultur/article16832905.ab

E qui la realtà comincia a divergere da quella che potrebbe essere l’impressione che ci si può fare dai giornali. Non si tratterrebbe di un’insurrezione popolare, ma dell’impeto vandalistico e di protesta di qualche decina di giovani, principalmente intorno ai 18 anni. Questi giovani di danni ne hanno fatti eccome, dando fuoco a un centinaio di auto (!) e spaccando vetrine, nonchè appiccando fuoco anche a stazioni di polizia, e tirando sassi a pompieri e ambulanze accorse sul luogo.

L’ondata di disordine si è allargata in breve tempo ad altri quartieri, atti vandalici molto seri si sono susseguiti anche nelle notti successive ai confinanti Rinkeby, Hjulsta, Tensta, Kista, e poi anche in altre zone della città, Skarkpnäck, Jakobsberg, Älvjö, una quindicina in tutto. I fuochi che hanno richiesto l’intervento dei pompieri sono circa un’ottantina in tutto.

Fonte: The Local http://www.thelocal.se/48096/20130523/

Fonte: The Local http://www.thelocal.se/48096/20130523/

Non riesco bene a spiegare come vorrei: la gente è allarmata e i danni sono ingenti, ma non si tratta di una guerra quartiere per quartiere o di una intifada di interi quartieri in rivolta, ma di una specie di “euforia da vandalismo” che si è diffusa fra i ragazzi dei quartieri a più alto tasso d’immigrazione. Non si rischia la vita, non ci sono bande armate che si scontrano per le vie, la notte non è illuminata dal rosso dei roghi, non c’è un coro costante di sirene, e non ci sono file di celerini in tenuta antisommossa a sbarrare le strade. D’altro canto persone e comunità hanno subito danni, c’è stata una manciata di arresti, e certamente la gente si sente attaccata nella sua tranquillità quotidiana. I primi ad esprimere disagio sono proprio gli abitanti dei quartieri, perché non condividono questi gesti di (relativamente) pochi, e non sono certo felici del riflesso che queste azioni può avere sulla loro immagine e condizione di immigrati. Contro manifestazioni pacifiche di dissociazione si sono tenute alla luce del giorno.

Per dire, già anche io mi sento a disagio, sebbene non viva in nessuna a zona a rischio e possa definirmi decisamente un “immigrato di lusso”. E ha fatto un certo effetto sentire nella stazione della metropolitana che gli autobus notturni per Tensta, Husby e Rinkeby sono stati sospesi per “disordini”.

Startsida – AB Storstockholms Lokaltrafik

Insomma non voglio nè minimizzare ne ingigantire, ma vorrei dare una reale dimensione di quello che sta succedendo.

Il problema è molto più complesso di quello che possa sembrare. In questi quartieri, è vero, il tasso di immigrazione arriva all’80%. Ed è anche vero che non sono considerati “bei quartieri” dagli stoccolmesi, i prezzi sono più bassi e l’edilizia è molto funzionale. Ma, e chi li ha visti se ne è reso conto facilmente (cavolo, basta anche usare Google Street View), non si tratta di ghetti invivibili, con case in rovine e sovraaffollate, e rifiuti per le strade. Sono quartieri con il loro centro civico, la biblioteca, il verde, i servizi. La scuola di Rinkeby è anche stata indicata come modello in una vecchia puntata televisiva di una trasmissione italiana. E non mi è mai capitato di sentirmi a disagio paseggiandovi sia di giorno che di notte.

Aggiornamento 24/5 ore 10:00: mi riportano che il quartiere di Tensta è uno dei peggiori in assoluto, con condizioni… diciamo meno che idilliache. E le notizie girano, sono riportati eventi in varie parti della città e non sempre la gente che ci abita ha notato qualcosa. D’altro canto, piccole cose qua e la sono vandalizzate, e fa impressione perchè fanno parte della quotidianità, come un baretto sul lago a Södermalm. Le macchine e le pareti bruciate certo fanno impressione.

Ma allora il problema qual’è? Io ho una vaga idea, e posso provare a comunicarvela: è il modello di integrazione Svedese che ha qualche cosa che non va, anche se non ho esattamente idea di cosa. Lo stato sociale ha puntato davvero tanto sull’integrazione, attirandosi anche le antipatie della popolazione più nazionalista e populista (un po i nostri leghisti, per fare un paragone). Sussidi, assistenza sociale, risorse devolute a scuole e formazione, corsi di linga gratuiti, sono tutte azioni che lo Stato ha intrapreso per costruire una “rete di solidarietà” attorno agli immigrati. E queste cose portano il loro frutto, i livelli normali di criminalità (ordinaria) sono bassi, la scolarizzazione è alta.

Ma credo che queste cose da sole non siano sufficienti, come per esempio non è sufficiente per un genitore sempre fuori casa per lavoro comperare giocattoli, cibo e vestiti per un figlio che non vedono quasi mai.

Più volte parlando dell’argomento io ho ribadito che, sebbene sia estremamente facile convivere, è molto difficile integrarsi, “fondersi” con la società. Io probabilmente non lo potrò mai fare, forse servirà almeno una generazione in più. Uso spesso la metafora di goccioline d’olio sospese nell’acqua, possono essere ben mescolate ma non saranno mai un tutt’uno.

Io stesso non so bene se per necessità, per inevitablità o per pigrizia, ho tessuto la mia rete sociale principalmente con italiani che vivono qua, perchè è più facile condividere idee, gusti, modi di concepire il mondo che ci circonda. E comunque la mia “rete” italiana è fatta di persone che lavorano nel terziario, o nella ricerca, o in istituti sovranazionali, di cultura alta.

Non è difficile immaginare cosa voglia dire essere un ragazzo sedicenne del Sudan o della Somalia. Avere cibo, e istruzione e una casa dignitosa, ma trovarsi in un certo senso isolato in una terra di nessuno, essere nato e cresciuto Svedese in una comunità che per storia, convenienza, aggregazione si trova in una parte remota della città, e che più si stringe alla propria comunità per sentirsi accettato e riconosciuto più si stacca dalla… svedesità. Trovare lavoro è più difficile, cresce la frustrazione.

La noia, una buona fetta della stupiditàdi chiunque guardi il mondo con gli occhi di un diciottenne (diciottenni non me ne vogliate, lo sono stato anche io, sia diciottenne sia stupido), questo senso di “buonismo” della società che non ti punisce mai veramente, che provvede ai tuoi bisogni ma non ti fa sentire accettato, quel misto di euforicità e di noia dei gruppi di coetanei, tutte queste cose possono spingere a gesta gravi, inutili e controproducenti come quelle di questi giorni.

Pompieri e Polizia sono visti ed attaccati come simboli dello stato, e più vengono attaccati più frange dell’altra estremità sociale hanno buon gioco ad indicare queste persone come pericolose e dannose, e supportano teorie razziste. Poliziotti (alcuni) che considerano feccia queste persone, e le insultano con epiteti razzisti, dal loro punto di vista ben meritati.

Come se ne esce? Cosa cambiare? Onestamente non lo so. Leggo alcune cose sui giornali, il ministro per l’integrazione ha ribadito che non é una lotta dei giovani contro la Nazione, in un’intervista molto ferma ma anche molto pacata. Un pompiere di una caserma vandalizzata che ribadisce che continuerà a lavorare a a cercare di aiutare chiunque ne abbia bisogno e diventa Svedese della settimana, un ex poliziotto razzista che, ravveduto, si dedica ad identificare e riportare gli abusi della polizia, sono tutte cose che mi sembrano passi nella giusta direzione,  anche se non risolutivi. Forse un’atteggiamento diverso della stampa.

In generale, mi pare che si cerchi di parlare di come risolvere il problema, di cosa poter fare di più e meglio, e non di cercare di “fare notizia” e di buttare benzina sul fuoco, o risolvere il problema alla radice ignorando che l’immigrazione è inevitabile e fino necessaria. Queste sono cose a mio avviso giuste, anche se non so quanto efficaci. Certo ci vorranno anni, anni, probabilmente generazioni, e penso a tutti i nuovi Svedesi che sono nati con una parte italiana, giapponese, thailandese, americana. Spero che la soluzione sia quella.

Su Facebook si è articolata una discussioncina piuttosto interessante, vi consiglio di leggere anche i commenti qui sotto.