E’ Natale quando meno te lo aspetti

Forse non sono proprio imparziale, ma io dico che una donna che, per nessun motivo in particolare, ti fa trovare al tuo ritorno la Domenica sera, stanco ed assonnato, un paio di chilil di fumetti de l’Uomo Ragno, X-Man, fantastici 4, Hulk, Daredevil, SilverSurfer, gli albi di The Ring, svariati altri manga, più le miniature in plastica di Wolverine, per non parlare dell’album con una scatola di bustine di figurine di Gundam, sia una donna da sposare.


l'apparecchiata

Uhm…..

A quanto pare “Elemento_pcx” ha trovato il modo di entrare nel menu di amministrazione del sito… caspita che tempestività , era il primo giorno sulla macchina nuova!
Visto che si tende a tornare sempre sul luogo del crimine, chiedo al sigor Elemento_pcx (credo si chiamasse così, nella compulsione ho cancellato il suo messaggio invece di disabilitarlo semplicemente…) di contattarmi.
Non credo dia grande soddisfazione “bucare” un sito come questo, del resto “mi casa es vostra casa”, potete postare qui quando volete senza entrare dalla finestra.
Però vorrei capire dove si trovi il buco, per evitare che qualcuno ben più malevolo di lui possa fare dei danni…
Aspetto tue notizie.
Update:
A quanto pare, dalle mie indagini, Elemento_pcx è brasiliano (per la precisione di Manaus), per cui dubito che possa leggere il messaggio di prima. Inoltre, ho trovato il modo in cui è entrato, e devo dire che è come se tenessi la chiave di casa sotto lo zerbino, però la chiave è di circa un metro cubo.
Vedo di informarmi e correre ai ripari.

E l’Asina vide l’Angelo

Volete leggere un libro cupo? Ma tanto tanto cupo? Con un protagonista così cattivo e sfigato da farvi attendere da un momento all’altro il colpo di scena, la redenzione, la buona azione che salva l’anima del Nostro? Questo è il libro che fa per voi.
“And the Ass saw the Angel”, opera di Nick Cave, la cui traduzione ero convinto significasse “e il culo vide l’angelo”, anche se poi non capivo tanto cosa volesse dire, è un libro – secondo me – pressochè riservato ai fan e/o amanti del genere “un sacco dark, un sacco gotico”.
Continue reading

La versione di Barney

Mordechai Richler, 490 pag, Adelphi, 2000. €18,00(Novecento su BOL)
Stai viaggiando in macchina, diciamo da A a B, quando dai microfoni di RadioRai senti uno che fa: “vi invidio…invidio quanti di voi non hanno ancora letto “La versione di Barney”, perchè la potete leggere per la prima volta”.

Penso “eh la madonna”, ma che recensione appassionata! Non so chi sia questo Barney (quello dei Flinstones?), nè chi fosse il giornalista, ma un po’ come si fa quando si gioca a l’amico del giaguaro, alias briscola in 5, decido: “DO’ FIDUCIA”.
Continue reading